Descrizione

Con la locuzione tumore vescicale o carcinoma della vescica si fa riferimento ad una categoria diagnostica che comprende l'insieme delle neoplasie maligne che originano dal tessuto epiteliale (carcinomi) che compone la vescica urinaria. Nell'accezione comune, il termine carcinoma viene sovente ad essere sostituito con il termine più generico di cancro o tumore in quanto neoplasie di origine diversa (sarcomi, melanomi, linfomi) costituiscono un'entità patologica molto rara per la vescica.

Profilo clinico

I carcinomi della vescica vengono divisi in:
- Tumori uroteliali (a cellule transizionali) a crescita:
PAPILLARE

  • Papilloma esofitico
  • Papilloma invertito
  • Neoplasie papillari uroteliali a basso potenziale di malignità (PUNLMP)
  • Carcinoma non invasivo (basso grado o alto grado)
  • Carcinoma invasivo papillare
NON PAPILLARE
  • Neoplasia intraepiteliale (basso grado o alto grado)
  • Carcinoma invasivo non papillare

- Carcinoma a cellule squamose
- Carcinoma misto
- Adenocarcinoma
- Carcinoma a piccole cellule

Mentre i carcinomi uroteliali, che costituiscono il 95% di questa casistica, originano dall'epitelio di transizione che costituisce la tonaca mucosa, gli adenocarcinomi, del tutto simili a quelli presenti nel tratto gastrointestinale, originano da residui dell'uraco siti a livello della cupola vescicali e nei tessuti periureterali. Una variante rara ed estremamente maligna dell'adenocarcinoma vescicale è rappresentata dal carcinoma a cellule con castone. Il carcinoma a piccole cellule della vescica (SCCB) del tutto simile al carcinoma polmonare a piccole cellule è estremamente raro (<1%) e connesso con prognosi infausta e sopravvivenza a 5 anni di circa il 16-20%. La macroematuria (urine a lavatura di carne) è il reperto tipico di carcinoma vescicale esofitico. La presenza di una massa intravescicale può favorire il ristagno di urina con sviluppo di quadri infettivi a livello di vescica e ureteri con conseguente disuria, stranguria, pollachiuria e tenesmo vescicale. L'invasione della giunzione uretero-cistica può esitare verso ostruzione ureterale e provocare intenso dolore ai fianchi. Nel soggetto di età superiore a 50 anni, metodiche ecografiche sovrapubiche attuate per l'indagine di ostruzione urinaria da ipertrofia prostatica benigna possono mettere in luce lesioni asintomatiche papillari che protrudono in vescica. L'invasione dei plessi nervosi può provocare intenso dolore o disfunzioni erettili. Fistole enteriche, anali o vaginali sono rare e indice di malattia avanzata. Molto raramente i primi sintomi sono dovuti alle lesioni metastatiche.

Profilo diagnostico

La presenza di macroematuria, soprattutto in presenza di coaguli, è un indice sensibile di sanguinamento a livello delle vie escretrici. In questo senso, una volta esclusa la cistite benigna e la litiasi urinaria, il carcinoma della vescica deve essere sempre sospettato, soprattutto in soggetti di età superiore a 50 anni, fumatori e di sesso maschile. Deve essere eseguita un'ecografia renale, utile per escludere alterazioni renali e della pelvi, e un esame citologico delle urine. Quest'ultimo esame presenta un'elevata sensibilità e permette di identificare le cellule neoplastiche di sfaldamento; in caso di positività si deve procedere alla cistoscopia, metodica in grado di evidenziare la massa neoplastica e di prelevare campioni bioptici. La ecotomografia, la TC e la RMN sono utili per evidenziare il grado di invasione parietale, l'infiltrazione degli organi viciniori e l'eventuale presenza di metastasi linfonodali. Una scintigrafia ossea risulta invece utile per indagare la presenza di metastasi ossee.


Foto informative

Varie sulla tumore vescicale:

FOTO TUMORE VESCICALE

 

IMPORTANTE:
I testi e le immagini utilizzate in questo articolo sono state prese, al solo scopo informativo, dal Sito Web www.wikipedia.com, che ne detiene totalmente la proprietà e i diritti.

Video informativi

Non aspettare! Se hai dei dubbi e vorresti avere maggiori informazioni in merito non esitare a contattarmi in privato tramite gli strumenti web in basso a destra: WhatsApp, Messanger o Chat Web.
Ti risponderò nel più breve tempo possibile.
Dott. Umberto Santaniello

Non aspettare! Se hai dei dubbi e vorresti avere maggiori informazioni in merito non esitare a contattarmi in privato tramite gli strumenti web in basso a destra: WhatsApp, Messanger o Chat Web.
Ti risponderò nel più breve tempo possibile.
Dott. Umberto Santaniello

Non aspettare! Se hai dei dubbi e vorresti avere maggiori informazioni in merito non esitare a contattarmi in privato tramite gli strumenti web in basso a destra: WhatsApp, Messanger o Chat Web.
Ti risponderò nel più breve tempo possibile.
Dott. Umberto Santaniello



RITORNA ALLA SEZIONE DELLA VESCICA

RITORNA ALLE PATOLOGIE ORGANO PER ORGANO

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

IL DOTTORE SUL WEB