Descrizione

Per prostatite si intende qualsiasi forma di infiammazione della ghiandola prostatica. Poiché le donne sono sprovviste di tale ghiandola si tratta di una sindrome che colpisce esclusivamente il sesso maschile. Le donne possiedono delle microscopiche ghiandole periuretrali, definite ghiandole di Skene, site nell'area prevaginale in prossimità dell'uretra, ghiandole che sono considerate l'omologo della prostata e possono causare una sintomatologia simile.

La prostatite ha un'incidenza che va dal 7% al 12% a seconda del territorio e delle statistiche.

Profilo clinico

I soggetti affetti da prostatite acuta riferiscono brividi, febbre, dolore alla schiena e nell'area genitale, frequenza ed urgenza urinaria spesso durante la notte, bruciore e fastidio durante la minzione, dolenza diffusa ed una infezione del tratto urinario evidenziata, a seguito di analisi di laboratorio, dalla presenza di leucociti e batteri nelle urine. Possono essere presenti secrezioni dal pene. Una evenienza relativamente comune è rappresentata dalla ritenzione acuta d'urina, dovuta al fatto che l'infiammazione determina un restringimento del primo tratto dell'uretra (l'uretra prostatica). Il Paziente cerca di urinare ma non ci riesce, e ha forti dolori alla parte bassa dell'addome. In questo caso per drenare l'urina è necessario mettere un tubo che dalla parete anteriore dell'addome va in vescica, e lasciarlo finché la malattia non è guarita. È sconsigliato l'uso del catetere in quanto può rendere più grave la malattia determinando una ulteriore irritazione sull'uretra prostatica.

Profilo diagnostico

La diagnosi si basa sulla raccolta dei dati anamnestici, degli esami clinici e strumentali. In corso d'anamnesi talvolta si rilevano rapporti sessuali a rischio (nuovo partner, rapporti anali non protetti ecc...). Gli esami di laboratorio evidenziano la presenza di agenti microbici nei campioni biologici raccolti. I batteri più comuni sono Escherichia coli, Klebsiella, Proteus, Pseudomonas, Enterobatteri, Enterococco, Serratia e Stafilococco aureo. Tali infezioni possono rappresentare una minaccia per alcuni pazienti e può essere necessaria l'ospedalizzazione con la somministrazione di antibiotici per via endovenosa. Un emocromo può rivelare un incremento dei leucociti nel sangue. La prostatite acuta porta assai raramente ad una setticemia, ma ciò può avvenire in pazienti immunodepressi; in caso di febbre alta e malessere generalizzato è indicata una coltura ematica, che è spesso positiva.


Foto informative

Varie sulla prostatite:

INFIAMMAZIONE PROSTATICA

IMPORTANTE:
I testi e le immagini utilizzate in questo articolo sono state prese, al solo scopo informativo, dal Sito Web www.wikipedia.com, che ne detiene totalmente la proprietà e i diritti.

Video informativi

Non aspettare! Se hai dei dubbi e vorresti avere maggiori informazioni in merito non esitare a contattarmi in privato tramite gli strumenti web in basso a destra: WhatsApp, Messanger o Chat Web.
Ti risponderò nel più breve tempo possibile.
Dott. Umberto Santaniello

Non aspettare! Se hai dei dubbi e vorresti avere maggiori informazioni in merito non esitare a contattarmi in privato tramite gli strumenti web in basso a destra: WhatsApp, Messanger o Chat Web.
Ti risponderò nel più breve tempo possibile.
Dott. Umberto Santaniello

Non aspettare! Se hai dei dubbi e vorresti avere maggiori informazioni in merito non esitare a contattarmi in privato tramite gli strumenti web in basso a destra: WhatsApp, Messanger o Chat Web.
Ti risponderò nel più breve tempo possibile.
Dott. Umberto Santaniello



RITORNA ALLA SEZIONE DELLA PROSTATA

RITORNA ALLE PATOLOGIE ORGANO PER ORGANO

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

IL DOTTORE SUL WEB